La Realtà dell’ ESSERE

Gurdjieff

“Se sento l’energia che anima il corpo, significa che c’è un legame tra la mente e il corpo, ma non è sufficiente. Si stabilisce un certo equilibrio, ma finchè il proprio sentimento non si apre non è realmente vivo.

Comincio a provare un desiderio di essere e di sentirmi un tutto, ma mi confronto al tempo stesso con la forza del mio automatismo.

Da una parte c’è un movimento di unità che mi apre a una percezione nuova, e dall’altra un inesorabile movimento di dispersione.

Questo confronto fa emergere in me una forza di cui non sospettavo l’esistenza, un’attenzione che altrimenti non avrebbe mai bisogno di apparire.

L’attenzione che conduce al momento di coscienza è il fuoco che permette la fusione delle forze, una trasformazione.

Diventare simultaneamente cosciente di entrambi questi movimenti richiede alla propria attenzione un’attività più grande.

Lo sforzo la risveglia, risveglia una forza che era addormentata.

L’attenzione si mobilita nella sua interezza , includendo al tempo stesso i centri superiori e quelli inferiori, il funzionamento di tutta la mia Presenza.

Ciò è dovuto alla comparsa di un nuovo sentimento, il sentimento di essere.

Ricordarsi di sè significa sopratutto ricordarsi di quest’altra possibilità, la ricerca al mio interno di una forza più attiva, ovvero: DESIDERO CONOSCERE…DESIDERO ESSERE.”

Il movimento dell’energia in noi è continuo, non si arresta mai. Passa piuttosto attraverso fasi di proiezione intensa che chiamiamo tensioni, e fasi di ritorno a sè che chiamiamo abbandono , rilassamento.

Non può esserci sempre tensione e non può esserci sempre rilassamento. Questi due aspetti danno vita al movimento dell’energia, sono l’espressione della vita.

Dalla sorgente che ha al nostro interno, l’energia viene proiettata all’esterno creando una sorta di centro chiamato “IO” e crediamo che questa proiezione sia l’affermazione dell’Essere.

Questo “IO” , attorno a cui ruotano pensieri ed emozioni, non può rilassarsi, vive nella tensione ed è nutrito dalla stessa. Questo Io ordinario, l’Ego, è sempre preoccupato da cosa piace e cosa non gli piace, in una chiusura continua che si irrigidisce.

Desidera combattere, si difende, confronta e giudica continuamente, vuole essere il primo , essere ammirato e far sentire la sua forza, il suo potere. Questo IO è un centro di possesso in cui si accumulano tutte le esperienze iscritte nella memoria.

Ma perchè ha questo bisogno esagerato di essere qualcosa, di assicurarsi di esserlo e di esprimerlo continuamente? Ha paura di non essere nulla? Perchè l’identificazione stessa si basa sulla paura.

Ci sono in noi due diversi centri di gravità, intorno a cui ruotiamo.

L’IO ordinario reagisce sempre allo scopo di difendere la propria esistenza.

L’altro centro è la vera sostanza di quel che siamo, la realtà che cerca di apparire in noi e di venire espressa tramite noi.

L’uno non può esistere senza l’altro.

Come ci può essere una relazione tra di essi? Quale atteggiamento può far comparire una nuova unità?

Bisogna osservare ..

L’IO ordinario entra in tensione anche se l’intento è raggiungere la coscienza. E’ necessario fidarsi di quest’altro centro dell’ESSERE , questo nucleo che ha bisogno di noi. Fidarsi di esso e non basarsi più sull’io ordinario, che può solo “fare” qualcosa.

Tuttavia il modo stesso di fidarsi del secondo centro riflette un “fare”. Non perchè il primo “io” sia cattivo in sè, ma volta le spalle a ciò che lo oltrepassa.

Bisogna riuscire a sentire con forza quale sia l’etteggiamento giusto, con un nuovo centro di gravità, se diventiamo recettivi a questo centro della nostra essenza, ne consegue un abbandono totale.

E’ lì che esprimo quel che sono, qui in questo momento.

In questo arrestarsi appare uno spazio …il silenzio ..Si è coscienti di essere qui, di esistere pienamente.

Questa consapevolezza va al di là e contiene tutto , che porta al cuore di queste due realtà e permette loro di giocare il proprio ruolo. C’è il senso di un “IO” reale , di un “IO SONO” , e l”IO” ordinario non volta più le spalle a questa realtà, non ha più paura di essere distrutto.

Ora sa perchè è qui, ha trovato il suo posto, il suo scopo.

Questo articolo può essere condiviso e divulgato rispettando il lavoro svolto citando la fonte dello stesso Blog e le relative fonti esterne citate dallo stesso. Appunti dell’anima@

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...