Tu chiamale se vuoi Emozioni…

Perché a volte la stessa emozione che ti spezza il cuore è anche quella che te lo guarisce.
(Nicholas Spark)

“Se riesco a non sentire, non sarò infelice

Contrariamente a quanto avviene per i processi mentali, che ci limitiamo a registrare, le emozioni ci toccano profondamente.

Dal momento che la nostra Lotta fondamentale è quella di raggiungere la Felicità, anzichè decidere con coraggio di attraversare le emozioni negative ed immature, l’uomo preferisce reprimerle, eliminarle dalla coscienza e nasconderle.

Le emozioni vanno educate, facedole crescere, maturare per poi diventare costruttive.

Evitare una tale presa di coscienza, è scomodo lo so, perchè comprendere comporta il Cambiamento. Rimanere aggrappati alla zona di comfort, è a noi confidenziale, ma sperare di poter avere ciò che si desidera senza fare nulla per ottenerlo, è impossibile. Come puoi rendere felici gli altri, se le tue emozioni sono atrofizzate?

Prendi atto che sei stato tu a causare questo stato d’insoddisfazione, e che solo tu puoi modificarlo, indipendentemente da quale sia la tua età.

Devi capire che il dolore della crescita emotiva è necessario, e che può essere benefico e costruttivo. Il primo passo da affrontare è superare la resistenza a farlo, solo allora le tue emozioni potranno ricominciare a fiorire

Questo non avviene manipolando o reprimendo, ma attraverso un processo organico di accrescimento, grazie al quale spontaneamente si cambia scopo, direzione e natura.

Ma ciò avviene quando consenti a stati d’animo, di essere ciò che sono al momento. Se ora decidi di astenerti nel sentire consapevole, e non farle progredire, ti costringi a reprimere e seppellirle sempre più. Cosi facendo inganni te stesso, non ti rendi conto di ciò che avviene dentro di te, t’inaridisci e per compensare questo vuoto, generi delle emozioni artificiali, che non senti neanche realmente.

Se si esprimono emozioni negative solo per mancanza di disciplina e senza una meta, è DISTRUTTIVO. Gli stati repressi, non integrati nella nostra psiche da adulti, vengono costantemente riattivati da tutte le situazioni, che in qualche modo ci rimandano a quelle originarie, effetto boomerang.

Identifica, scopi distruttivi e costruttivi.

Sviluppare l’impegno ad essere cosciente di ciò che senti veramente ed esprimerlo in maniera diretta ,senza razionalizzare, farà aumentare la comprensione che hai di te .Ti renderai conto di evolvere, perchè diventare Grande non sarà più un idea astratta, ma un fatto vissuto, reale e profondo.

Questo farà migliorare la capacità di comunicazione con te e gli altri.

Permetti a te stesso di farti guidare dalle tue facoltà intuitive.

Non deve essere l’eccezione ma la regola.

Quando la maturazione delle emozioni renderà la tua intuizione affidabile ci sarà mutua armonia tra le facoltà mentali e quelle emotive che non si contraddiranno più a vicenda. Anche se in principio esprimere quelle contrarie sarà un po’ doloroso, proverete comunque un grande sollievo, perchè tale espressione libererà il vostro sistema energetico dalle sostanze che lo intossicano.

Grazie a questo metodo ,comincerete a sentire suggestioni di tipo nuovo, piacevolmente rinnovate. Imparerai anche a fare distinzione fra le emozioni genuinamente buone e quelle falsamente positive che sovrapponi alle prime per mantenere in piedi l’immagine ” ideale di te”. Questa immagine distorta, non farà emergere il tuo vero Sè e accettare che un’area relativamente larga della nostra personalità è ancora infantile,incompleta ed imperfetta.

Inspirato dal Sentiero del risveglio Interiore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...