Ferite del bambino interiore La via del Risveglio!

L’anima cerca di farsi sentire in ogni modo, infatti bene o male tutti abbiamo le ferite del nostro bambino interiore. Hai uno strumento potentissimo, la tua mente , affina i tuoi click percettivi e imparerai a scavare nei punti giusti per comprendere e metterci consapevolezza.

Risvegliati, e sì gentile con te stesso , il ponte tra sogno e realtà è che devi imparare ad osservare con altri occhi. Smettila di continuare ad essere schiavo delle tue forme pensiero , trascinarti in tempeste emotive con conseguenti proiezioni su altri.

In questo modo ti stai semplicemente allontanando dal tuo centro di gravità permanente.

Per guarirle…dobbiamo innanzitutto imparare a riconoscerle.

Primo step- Come fare a capire? Devi Risvegliarti

Prima inizi a comprendere e ad avere chiarezza, prima darai vita al tuo vero Start evolutivo per ritornare a te, poi il resto sarà in divenire.

Tramite la buona volontà e la disciplina ci si dedica a molti aspetti dell’apparato psicofisico affinchè ci si avvicini allo spirito.Valide tutte le strategie funzionali possibili, e qui si può spaziare dal mondo della psicologia a quello Olistico. Meditazione, seminari, musicoterapia ,yoga, psicoanalisi , pnl, costellazioni familiari ecc ….Tutto è utile, ma se non lo vedi, di conseguenza non puoi lavorarci sopra.

Secondo step – Come faccio a riconoscere la ferita?

Semplice, perchè è sufficiente guardare la maschera che abbiamo indossato negli anni per nascondere i nostri dolori fin dall’infanzia. Per cui ogni ferita cela una maschera della personalità corrispondente.

RIFIUTO – IL FUGGITIVO

ABBANDONO – IL DIPENDENTE

TRADIMENTO- IL CONTROLLO

UMILIAZIONE -IL MASOCHISTA

INGIUSTIZIA – IL RIGIDO

Ma non solo, anche il lavoro D’ombra ha il suo ruolo prezioso ed il nostro famoso specchio nell’altro, apprendiamo tramite situazioni di contrasto.

Ferite e maschere sono correlate

Non temere di trovare qualcosa di spaventoso , di cupo
Scopri quel che c’è da scoprire
Qualsiasi cosa incontrerai devi comprenderlo e integrarlo
Fa parte di te.


Ora non resta che porsi nella posizione di Osservatori e da lì essere compassionevoli con noi in modo da diventare genitori di quel bambino che brama di essere visto. Perchè insisto sulla questione ,trova il tuo centro, bhe ti spiego subito. Tutti noi cresciamo con questo modello educativo che l’altro possa salvarci, con aspettative e condizionamenti assurdi, sopratutto nelle relazioni sentimentali. Non è nostra la colpa, e così facendo non facciamo altro che mettere nelle mani di qualcun’altro il nostro valore nonchè potenziale infinito. Quindi dai a te stesso il tempo di accettare di nutrire compassionevolmente, imperfezioni , disagi, conflitti e vuoti interiori senza giudizio e senza critica.

Ovviamente le parti d’ombra di noi non scompaiono magicamente all’improvviso, è un lavoro sincronizzato step to step, ecco perchè il ruolo dell’osservatore è indispensabile.

Non siamo rotti, nè sbagliati, dobbiamo solo imparare a darci quell’amore totale che tanto desideriamo dagli altri e accettarci incondizionatamente. Immaginiamo di avere delle lacerazioni sulla nostra pelle, e noi ce ne andiamo in giro belli beati come se non ci fossero ,ma ogni qual volta che la proiezione esterna ci spinge la ferita, ecco il dolore che ci pervade. Eccole lì, in tutto il loro splendore, ora le senti? Son ben presenti ma noi non ce ne curiamo, bene l’antidoto sta nel veleno stesso.

Iniziamo a vedere intanto che sono lì in attesa delle nostre attenzioni, disinfettarle, medicarle ,prendersene cura ,se necessario cambiare fasciatura un passo alla volta, fin quando non si viene a creare pian piano un nuovo strato di pelle.

Quindi, immaginate il corpo emotivo com’è afflitto, noi non ci siamo mai fermati a dargli ascolto. Oltre l’accettazione, il perdono è sacro, su noi stessi e gli altri. Ma a questo ti rimando al post sul Potere del Perdono. https://anima.coach/2020/03/23/il-potere-del-perdono-per-essere-libero/

Devi entrare in completa empatia in modo da cessare blocchi conflittuali senza fare resistenza, ma sviluppando resilienza.

Svolgi l’opera con il cuore non con l’ego in modo da creare spazio all’anima .

Parola d’ordine : AMATI!!!!!

Questo richiede un grande atto di coraggio, fede e perseveranza, a parole sembrerebbe semplice vero, è dura sì, ma ne vale la pena per trasformarti nella versione migliore di te. Magari hai impegnato tempo, energia e denaro gettati al vento per poi scoraggiarti, con psicologi o intensi seminari con” guru salvavita” , è vero gli aiuti sono importanti, ma devi essere tu il primo a metterti in gioco sul serio.

Rifiuto: Viene vissuto generalmente con il genitore dello stesso sesso, è riferito al nostro valore personale, di esistere nel proprio sè, del diritto di essere al mondo e di essere apprezzato nei propri talenti. Blocco /autostima

Abbandono: Mancanza di sostegno ,viene vissuto con il genitore del sesso opposto crea la dipendenza affettiva e in generale, incapacità di accudire se stessi. Paura e panico di stare soli e pur di non farlo si perde energia inutile,necessita di continue conferme.

Tradimento: Viene vissuto con il genitore del sesso opposto che non” ha mantenuto la parola”. Si creano forme di controllo e attaccamento che poi andranno ad intaccare le relazioni affettive .Ha enormi aspettative nei confronti degli altri ,fa del suo meglio per mettersi in situazioni di confronto in cui perderebbe il controllo.

Umiliazione: Temono il giudizio e anch’esse a giudicare, paura della libertà, pensano agli altri per non pensare a se stessi, umiliati o rimproverati nell’infanzia, Blocco vergogna /inadeguatezza (Può essere che non ce l’abbiano tutti)

Ingiustizia : Si sentono vittime di ingiustizie subite dalla vita o dai genitori. Rabbia repressa.Vorrebbero che tutto fosse perfetto, non si permette di sbagliare ,si prefissa obiettivi più grandi per poi rimanerne deluso, tendono a chiudersi per non svelare la loro vulnerabilità. Il rigido può essere sia ribelle, colui che fa uscire questa rabbia che ha dentro, sia disciplinato ,colui che pur di restare perfetto non mostra la sua collera. Trattiene tutto dentro e non lascia andare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...